martedì 23 ottobre 2012

Sbarbacipolla BIOsteria

Altro post dedicato a ristoranti in cui ho avuto occasione di cenare e incontrare chef  veramente notevoli.


Siamo a Colle Val d'Elsa, a 20 minuti da Siena, e io partecipo a una serata di Girogustando. In breve, Girogustando nasce nel 2002:
Una bellissima iniziativa quindi che porta i senesi (e non) nei ristoranti locali anche durante la settimana e permette di far conoscere chef di altre regioni e addirittura nazioni.
antipastti: fonduta di nostrano d’alpeggio con involtino di castagne e verza e germogli; tortino di zucca con cavolo nero e crema di noci (Sbarbacipolla)

lo ched di Sbarbacipolla, Nicola Bochicchio, alle prese col paiolo e la polenta
Torniamo a Sbarbacipolla.
Devo dire che sono partita prevenuta nei confronti di questo locale: prevenuta in positivo però! Infatti mi aspettavo grandi cose, non vedevo l'ora di provare i piatti dello chef Nicola Bochicchio e visitare il locale. Ve lo anticipo subito: non sono rimasta delusa e i miei preconcetti positivi sono stati ampiamente confermati.
I primi: Zuppa d'erbe farro e castagne (Sbarbacipolla) - Risotto con salsiccia di pecora della Valcamonica, zucca e latte di  mandorla (La Madia)
I dolci: Pera e stracciatella (La Madia) - Necci ricotta di capra sbattuta al cioccolato (Sbarbacipolla)


E si mangia bene, molto bene. Le erbette sono colte nei campi,  le castagne nei boschi, e i piatti sono fantasiosi, mai banali pur restando piantati con le radici nel territorio toscano. Inoltre parte delle delizie offerte al ristorante possono anche essere portate a casa. Su uno scaffale di legno fanno bella mostra di sè vasetti di conserve marchiate Germoglio Verde: "il marchio con cui Sbarbacipolla produce le sue conserve per portare sulla tavola di casa frutta e verdura di stagione tutto l’anno senza l’uso del frigorifero." 
Più di così... 
Le conserve e i prodotti di Sbarbacipolla
gli chef Nicola Bochicchio (Sbarbacipolla) e Michele Valotti (La Madia)
Ma questa serata è stata per me anche l'occasione per prendere due piccioni con una fava e poter assaggiare, oltre ai piatti di Sbarbacipolla, anche la cucina di La Madia, dello chef Michele Valotti. Michele viene dalla Franciacorta e porta con sè una cucina ricca, montana, con i profumi intensi del formaggio d'alpeggio e della carne di pecora, della polenta, delle castagne e di cioccolata. Dove lo trovate? A Brione, 19 km da Brescia.

Sparse in questo post trovate le fotografie di alcuni piatti in degustazione durante la serata e immagini rubate all'atmosfera dai colori caldi, solari e confortanti di Sbarbacipolla.
Io non vedo l'ora di tornarci.

2 commenti:

  1. un post rivitalizzante: è bello leggere che le aspettative sono mantenute, ogni tanto. Meno mal che sei golosa!
    massimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Massimo, davvero una serata notevole :)

      Elimina